BitcoinQnA

Simple answers to your Bitcoin questions


bitcoinerheader

Domande frequenti

Risposte semplici alle domande più frequenti su Bitcoin


Domanda Risposta
Che cos’è Bitcoin? Bitcoin è un network peer to peer in cui chiunque può partecipare. Bitcoin permette di conservare valore nel tempo in sicurezza e di trasferire quel valore a chiunque quando vuoi e senza dover chiedere permesso a una terza parte. Bitcoin ha un programma di espansione monetaria che è trasparente e fisso e che non può essere cambiato come invece accade con la moneta “normale”. Insomma, è denaro contante per internet.
Perché Bitcoin è importante? Bitcoin permette di effettuare pagamenti internazionali protetti dalla crittografia che non possono essere bloccati (censurati). E’ il primo e unico esempio di scarsità digitale assoluta e non è controllato da alcuna persona o gruppo di persone. Ciò significa che Bitcoin non può essere alterato da alcun governo.
Come funziona? Mettiamo che Alice voglia pagare Bob. Alice invia quindi una transazione dal suo wallet; la transazione è ricevuta da migliaia di membri del network, i quali comunicano tra di loro l’intenzione di Alice di pagare Bob. Dopodiché la transazione di Alice arriva a un miner che impiega potere di calcolo e elettricità per raggruppare la transazione di Alice in un blocco insieme a molte altre transazioni. Una volta che il miner ha minato il blocco, la transazione di Alice è inclusa in questo blocco e Bob riceve l’ammontare di bitcoin nel suo wallet.
Chi ha inventato Bitcoin? Il mondo ha visto Bitcoin per la prima volta nel 2008, quando un’entità anonima dal nome di ‘Satoshi Nakamoto’ condivise il White Paper in una mailing list online. Satoshi è scomparso nel 2011 e non è stato mai più visto online. Negli anni successivi, centinaia di sviluppatori hanno continuato a contribuire al progetto e a migliorare il protocollo Bitcoin.
Cosa dà valore a Bitcoin? Bitcoin è caratterizzato da scarsità (esisteranno solo 21 milioni di bitcoin) e ciò è verificabile da chiunque con un computer a scheda singola da $30. Bitcoin ha un quantità immensa di potere di calcolo interamente dedicato a rendere sicuri i pagamenti in modo decentralizzato. Il network ricompensa i partecipanti che proteggono la sua integrità e che agiscono in buona fede. Il prezzo di un bitcoin è determinato semplicemente dall’interazione di domanda e offerta sul mercato.
Chi controlla il network? In breve, tutti e nessuno. Ciascun partecipante può decidere in ogni momento se restare o lasciare il network, il quale è strutturato in modo che i partecipanti malintenzionati non possano avere successo. Nessun singolo sviluppatore può apportare modifiche al codice. Nessun singolo miner può censurare transazioni specifiche. Nessun singolo partecipante può ‘truffare’ il network e spendere bitcoin che non ha o che appartengono a qualcun altro.
Bitcoin è anonimo? Dal punto di vista del network, i bitcoin non sono collegati ad alcuna identità reale. Il protocollo riconosce solo delle stringhe di lettere e numeri conosciuti come indirizzi Bitcoin. Ciononostante, aziende che operano con Bitcoin come gli exchange i quali permettono di comprare bitcoin, possono collegare la tua identità ai bitcoin che acquisti sulla loro piattaforma. La blockchain di Bitcoin è completamente pubblica e quindi è possibile tracciare gli indirizzi di cui è nota la reale identità.
Cos’è la blockchain? La blockchain, che significa letteralmente catena di blocchi, è una sorta di libro mastro che contiene una copia di ogni singola transazione effettuata con bitcoin. I miner competono per aggiungere nuovi blocchi alla blockchain in cambio di commissioni sulle transazioni e in cambio di nuovi bitcoin. Ogni blocco è collegato crittograficamente al precedente.
Bitcoin potrebbe essere fermato dai governi? Un governo potrebbe sicuramente rendere Bitcoin illegale nella sua giurisdizione. La Cina infatti lo ha già fatto svariate volte, ma nonostante ciò l’ecosistema di Bitcoin continua a crescere. La natura decentralizzata di Bitcoin, fa sì che per fermarlo sia necessario uno sforzo monumentale e coordinato da parte di molte delle potenze mondiali per arrestare la sua crescita.
E’ vero che Bitcoin è usato dai criminali? Bitcoin è moneta e ogni forma di moneta può essere usata dai criminali. Nel 2017 l’intero mercato del traffico di droga era stimato valere circa $500,000,000,000 (500 miliardi). Ai prezzi attuali con quella somma si potrebbe comprare l’intero network di Bitcoin 11 volte! Non ci vuole molto per comprendere che in realtà la stragrande maggioranza delle attività illecite sono portate avanti con le monete tradizionali.
Bitcoin potrebbe essere copiato? Chiunque può copiare il codice di Bitcoin e molti lo hanno già fatto. Ci sono letteralmente centinaia di copie di Bitcoin, ognuna con qualche piccola modifica al codice finalizzata a ‘migliorarlo’. Quasi sempre questi ‘miglioramenti’ comportano modifiche a parti essenziali di Bitcoin e impediscono quindi a questi progetti di superare la barriera all’entrata costituita dai grandissimi effetti di rete di Bitcoin.
E’ vero che Bitcoin spreca energia? E’ vero che il network Bitcoin consuma tanta energia, ma questa energia è impiegata per rendere sicuro e per operare un sistema mondiale di pagamento che crea valore per milioni di persone nel mondo, quindi non ha senso caratterizzare questo consumo energetico come ‘spreco’. Inoltre nell’industria del mining di Bitcoin si è già iniziato ad innovare nell’uso di fonti energetiche alternative come fonti rinnovabili o energia che va solitamente sprecata come quella derivante dalla combustione di gas (gas flaring).
Quanti bitcoin ci sono? Al momento ci sono più o meno 18 milioni di bitcoin in circolazione. Non esisteranno più di 21 milioni di bitcoin e l’ultimo sarà minato intorno all’anno 2140. Ogni bitcoin può essere diviso in 100 milioni di sotto unità chiamate ‘Satoshi’ o ‘sat’ quindi ci sono abbastanza bitcoin per tutti.
Come si creano i bitcoin? I nuovi bitcoin sono creati attraverso il processo del mining il quale si svolge a livello globale ed è caratterizzato da alti livelli di competizione. Ogni nuovo blocco che viene minato ricompensa il miner che lo ha creato con nuovi bitcoin. Al momento questa ricompensa è appena stata dimezzata, ed è ora pari a 6.25 bitcoin. La ricompensa si dimezzerà ancora a 3.125 bitcoin tra 210,000 blocchi cioè più o meno in 4 anni.
Cos’è il mining? Il mining è il processo attraverso cui alcuni partecipanti al network (i miner), includono le varie transazioni in blocchi che andranno poi aggiunti allo storico delle transazioni. Questo processo comporta per i miner la necessità di impiegare molto potere di calcolo. Una volta che il miner ha raggruppato varie transazioni in un blocco, il miner tenta di risolvere un problema computazionale molto ripetitivo fino a che non trova una soluzione che rispetta un determinato target. Se il miner riesce in questa impresa, egli riceve le commissioni sulle transazioni incluse nel blocco e la ricompensa sotto forma di nuovi bitcoin. Il processo ricomincia subito dopo con nuove transazioni e nuovi blocchi.
Dove posso comprare qualche bitcoin? Ci sono molti exchange online da cui puoi comprare bitcoin, assicurati però di informarti bene sugli exchange che intendi usare prima di procedere. Il modo migliore e più facile per ottenere il tuo primo bitcoin è quello di comprare da un amico o famigliare di cui ti fidi. Ricorda - non devi comprare un bitcoin intero (ogni bitcoin è divisibile in 100 milioni di Satoshi)! Consulta questo link per alcune raccomandazioni.

Realizzato da Bitcoin Q+A | Traduzione di @MagnificentBTC | Supporto | Altre risorse